Pinetum 06 Coversazioni: mostra a Villa Gaeta

5 Ottobre 2019, alle 16.00, presso Villa Gaeta a Moncioni, frazione di Montevarchi, verrà inaugurata la mostra PINETUM 06 DESIGN – Conversazioni.

La Villa si trova in una valle sul versante valdarnese dei monti del Chianti, è un edificio del ‘600 ampliato poi nel ‘700 ed è circondata da un arboreto di circa tre ettari denominato Pinetum, una collezione di fine ‘800 di conifere piantate da Giuseppe Gaeta, avvocato di Bettino Ricasoli e appassionato di botanica.

L’articolazione della manifestazione di quest’anno, giunta alla sua settima edizione e che ha sempre avuto come intento quello di dare possibilità espositive ai più giovani, prevede che tre mentori (personaggi del mondo del design che per motivi artistici e culturali abbiano acquisito autorevolezza riconosciuta) indichino tre giovani designers che progettano ciascuno oggetti di design da inserire nel Parco di Villa Gaeta.

I Mentori invitati per il 2019 sono Sergio Buttiglieri, Piero Lissoni e Marco Romanelli, che a loro volta hanno rispettivamente invitato Laurence Humier, Chiara Ferrari e Luca Ladiana.
Laurence Humier ha progettato con la collaborazione di Officine Tamborrino delle sedute da esterni e con Manetti Gusmano & Figli altri oggetti d’arredo in terra cotta.
Chiara Ferrari ha progettato con la collaborazione di Luce 5 illuminazioni da esterni e con Cioni srl sedute e tavolino in cemento. Luca Ladiana ha progettato con la collaborazione di Edilmoderna Marmi delle sedute in materiala lapideo.

I tre designers designati sono stati ospiti presso Villa Gaeta in modo da poter progettare avendo visto, conosciuto e scelto la sede del Parco in cui i prototipi realizzativi sono stati installati. I prototipi sono stati realizzati da aziende produttrici in vari settori.

Come anticipato, già da anni presso la Villa Gaeta di Moncioni, proprietà dell’interior designer Bruno Boretti, si sono svolte quattro edizioni di “Artisti in Residenza”; nel 2013 “Pinetum 00 – ConteMpoLontano” e nel 2014 “Pinetum 01 – farparte”; nel 2016 “Pinetum 03 – Kriptòs” e nel 2018 “Pinetum 05 – Alberi” dedicate a giovani artisti invitati a lavorare e a risiedere per un mese, prima dell’inaugurazione della mostra, nella proprietà.

Nel 2015 invece, in un’ottica di alternanza tra arte e design, si è svolta la prima edizione dedicata al design “Pinetum 02 – Innesti” con la partecipazione come mentori di Giulio Iachetti, David Palterer e Vanni Pasca e, nel 2017, “Pinetum 04 – Contemplazioni” con la partecipazione come mentori di Luca e Marco Baldini Q-BIC, Vanni Pasca, Patrizia Scarzella e Matteo Zetti e Eva Parigi ZP Studio.

Nel 2015 Giulio Iachetti aveva nominato come designer Mario Scairato che in collaborazione con la Manetti Gusmano & figli aveva realizzato, oltre a due altalene in collaborazione con LGD Lavorazione Metalli e Bugattini Maurizio Arredamenti, una serie di sgabelli in terracotta che poi sono entrati nel catalogo di produzione dell’azienda, distribuiti e commercializzati da Interno Italiano.
David Palterer aveva nominato Sara Barbieri e Alessandro Schiavoni che in collaborazione con LGD Lavorazione Metalli e Bugattini Maurizio Arredamenti avevano realizzato un tavolo da esterni accompagnato da sedute. Vanni Pasca, infine, aveva nominato Vittorio Venezia che in collaborazione con Luce 5 aveva realizzato illuminazioni da esterni denominate Cerchio e Magnetica. Magnetica è stata poi selezionata e inserita nel ADI INDEX successivo.

Nel 2017 Luca e Marco Baldini/Q-BIC aveva presentato come designer Lorenzo Montefiore che con Karman aveva realizzato una lanterna a batteria trasportabile.
Vanni Pasca aveva presentato Francesco Librizzi che ha progettato con la collaborazione di Accoia e del suo distributore Zanaga S.r.l. delle sedute da esterni in legno che hanno trovato posto nel Parco in luoghi adatti alla contemplazione, mentre Patrizia Scarzella aveva presentato Carlo Sabbatucci che con la collaborazione di Product &
Lighting Design di Firenze ha progetto illuminazioni da giardino. Matteo Zetti e Eva Parigi ZP Studio aveva presentato Valeria Ruggi che con la collaborazione di Vetreria Biturgense ha realizzato una lampada in vetro e l’installazione, sempre in vetro.

In questi primi anni il focus delle mostre è stata la relazione spirituale con il luogo, e, nell’alternanza ormai consolidata di una edizione dedicata all’arte e di un’altra dedicata al design, mentre la manifestazione prende gradualmente forza e continuità, quest’anno il tema prescelto.

Conversazioni, intende rafforzare l’idea di un Parco dove alla collezione di conifere di Giuseppe Gaeta, si affianchi la collezione di opere d’arte e design inserite armoniosamente nel contesto.